Ecuador

Galapagos

La cosa più bella fatta negli ultimi 6 anni? (Polinesia a parte) La crociera alle Galapagos!

Sono isole speciali, Les Encantadas, altro nome dell’arcipelago, con un passato particolare: disabitate o quasi fino al secolo scorso, ospitano una fitta popolazione di animali, padroni incontrastati di queste isole.

Ad attenderci, sulla prima spiaggia, una bella iguana!

E che spiaggia!

Le mamme covano,proteggono le uova dal sole,

e i piccoli appena nati!

Per coccolarli non appena crescono.

Sono una sula dalle zampe rosse

Sono una sula dalle zampe azzurre!

Sono un maschio di fregata

Mi gonfio per attirare la “preda”!

Quanta concorrenza!

Eccola, la femmina è arrivata!

Le piacerò?

Mentre le fregate amoreggiano, le golondrine (rondini) volano fra cielo e mare, ma attenzione!

Il gufo delle Galapagos, unico rapace che caccia durante il giorno, le aspetta nel nido!

Prima ci pensa…

…poi si lancia nella pesca!Leoni marini

Mentre gli altri prendono il sole mi metto in posa!

Io succhio il latte alla mia mamma!
L’ebrezza di nuotare con i leoni marini! ma anche enormi squali martello, pinguini… La particolare posizione geografica delle Galapagos, lambite dalla corrente di Humboldt che vi porta i i rigori del polo, fa sì che nelle sue acque nuotino colonie di simpatici pinguini, i secondi più piccoli al mondo, che si divertono a fare su e giù nelle acque di Bartolomè in cerca di cibo.

Questo cactus è l’unico a crescere sulle colate laviche!

Un meraviglioso, antico caminetto!Ricami

Iguane:

Si nutrono dei cactus che, per proteggersi, hanno sviluppato il tronco.

Una iguana su 400 riesce a salire sui cactus, la specie migliora!

Sorriso…

Iguana rossa dell’isola Isabela

Iguana di mare
Laguna con fenicotteri


Uno dei panorami più famosi delle Galapagos, con tanto di pinnacolo! Preso da un’angolazione diversa, però!


Dedicato alla nostra guida naturalista, tragicamente scomparso insieme alla figlia sedicenne in un incidente stradale.

Per chi volesse maggiori informazioni, può trovare un mio articolo pubblicato su RivistaEtnie

 

Annunci
Categorie: Ecuador | Tag: , , , | Lascia un commento

In giro per l’Ecuador

Quito

Città dove passa l’equatore!

Cotopaxi

Laguna di Quilotoa

Lavandaie… Loro sostengono che lavare a mano sia meglio! Nella fresca acqua del fiume!

L’ultimo portatore di ghiaccio!

Porchetta!

Sembra gelato, ma non lo è! 

Chimborazo

Panorama incredibile!

Cosa fare quando si arriva in cima? A 5.160 mt? Mangiare una banana che arriva dalla costa! Possibile in Ecuador!

Morbida come le orecchie del coniglio che le danno il nome!

Chiesa di Balbanera, la prima dell’Ecuador, costruita nel 1534

Noce di tagua, l’avorio vegetale, chiusa ed aperta 

 

 

 

 

 

 

 

Treno della Nariz del Diablo, la popolazione locale guarda, ma non può salirci.

Cuenca

La città dei cappelli di paglia
Parco di Cajas

Particolarità

Questo serviva per osservare le stelle!

Guayaquil, omaggio a Galibaldi.

Sembrano tiki!

 

Categorie: Ecuador | Tag: , , , , , | Lascia un commento

Yucca


Ecco una nuova ricetta, semplice e gustosa. Si raccoglie la radice di yucca, con l’aiuto di un machete la si sbuccia levando la corteccia marrone, conservandone solo la parte candida. Con l’aiuto di un tronco speciale pieno di dure escrescenze la si grattugia; la polpa viene prima setacciata per renderla omogenea e senza grumi, poi accuratamente strizzata in un apposito attrezzo di fibre intrecciate. Il latte ottenuto verrà cotto lungamente per farlo ispessire fino a diventare una marmellata scura, dal sapore piccante. La fibra si pone sul fuoco, in un largo recipiente di terracotta, la si livella omogeneamente con un attrezzo di legno di balza o con una ciotolina, mentre il fuoco la rende compatta e dorata. Un po’ d’attenzione nel girarla, ancora due minuti di cottura ed ecco, il nostro pane è pronto, compatto e fine come un’ostia, ottimo per essere mangiato solo, con il nero succo addensato del suo latte, con una marmellata di goyava o, perché no, con un buon pomodoro rosso e qualche cipolla. 

È una ricetta tipica della selva amazonica.

Categorie: Ecuador, Sudamerica | Tag: , | 3 commenti

Amazonia

Dei posti dove sia difficile svolgere la vita umana, l’Amazonia è certamente uno di questi. Area di enorme estensione, situata fra Ecuador, dove l’ho visitata, Colombia e Brasile, non ha strade, la si percorre navigando tortuosi corsi d’acqua su lance scoperte, spesso sotto la pioggia battente, coperti dai poncho impermeabili.
La fittezza della vegetazione è impressionante, la foresta pluviale che tutto ricopre sviluppandosi in strati sovrapposti, abitati da animali differenti: i caimani in basso, scimmie ed uccelli di vari specie in alto, insetti e serpenti per ogni dove. L’acqua che circola nei rii prende il colore marrone dal tannino delle piante, solo nella laguna grande, piana di origine alluvionale, ha il riflesso verde cupo della natura che la circonda. In questa luogo ostile, sempre umido e gocciolante, vive, fra le altre, una meraviglia del regno animale: il delfino rosato. Abbiamo avuto la fortuna di vederlo: ci è venuto incontro mentre navigavamo sul fiume, compiendo simpatiche evoluzioni, felice della pioggia. Questi animali si trovano unicamente in Amazonia, non si sa bene se il loro colore diventa rosato quando siano accaldati o se alcuni esemplari lo conservino sempre, come le differenti razze del genere umano.  

Per le popolazioni indigene i delfini rosati hanno una magia particolare, si trasformano in uomini, alti, belli, accuratamente vestiti con pantaloni bianchi, poncho e cappello di paglia per nascondere il buco di sfiato sulla testa attraverso il quale respirano. Seducono le donne facendole ballare tutta la notte, nessuna donna riesce a resistere al loro fascino, scelgono sempre la più bella, la portano avvolta in un tenero abbraccio a passeggiare romanticamente in riva al rio… La mattina dopo la donna non ricorda nulla di cosa sia successo durante la notte… Qualche mese dopo scopre di essere in stato interessante!

I delfini rosati vengono considerati i padri di tutti i bambini nati da madri sole, all’anagrafe non mancano registrazioni dove il padre dichiarato sia lui, il delfino rosa! 

Gli uomini dell’Amazonia stanne molto attenti a questi animali, per evitare che le loro mogli si ritrovino incinta di un bel delfino rosato!

Sono state giornate umide e gocciolanti, sono state giornate trascorse come se si vivesse all’interno di un documentario. 

Categorie: Ecuador, Sudamerica | Tag: , | Lascia un commento

Blog su WordPress.com.